.
Annunci online

...sospesa tra ideale e reale, tra libertà e necessità...
DIARI
8 gennaio 2009
strane prigioni
Mi sento prigioniera di una vita che non mi spiego, di un respiro che non mi appartiene, di un'esistenza che mi tiene schiava d se stessa. E'  tutto un turbino di paure, un tubino di incertezze un turbinio d'oblio oblio allo stato puro.
Sento che il mondo crolla sotto i miei piedi, sento di non poter sopprtare tre lutti in poco più di un mese, non ce la faccio più a pensare ad un'altra morte, ad un'altra lapide al cimitero, ad un'altra angoscia nei cuori dei miei cari, ad altre lacrime.
Prima lavinia che, senza dare alcun segno di cedimento si butta da un ponte e da il via a quel continuo assillo di domande:
-Perchè- mi chiedo del sonno e mi sveglio di notte urlando -Perchè- vedo scritto nei volti dei miei amici, -Perchè- mi chiede suo fratello in preda alla disperazione.

Perchè
Perchè perchè perchè perchè..


Poi il nonno, aspetta natale, lascia che tutta la famiglia si riunisca, che io torni da Pisa e poi se ne va, proprio il 24, in silenzio, con quella discrezione che era parte di sè e del suo rapportarsi con gli altri, con quella discrezione che è capacità di discernimento, che è appello all'intelligenza.
Adesso lo zio ad appena quindici giorni di distanza...e tutto è lutto, tutto è nero...

Si, magari sarà solo la vita che vuole la morte, magari sta tutto lì, capisci questo, hai capito tutto..solo che io ho bisogno che qualcuno me lo spieghi!



permalink | inviato da emozioni-tossiche il 8/1/2009 alle 19:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        aprile

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


Amami,
perché senza te,
nulla posso
nulla sono.
Paul Verlaine


I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto
Che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell'abbagliante splendore del loro primo amore
                                               Prèvert

Squassa Eros l'anima mia

come il vento sui monti che investe le quercie

                                                Saffo





Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso...


Alcune delle immagini presenti su questo sito

provengono da internet. Per qualunque problema,

avvisatemi e saranno solertemente rimosse.